6. Tarocchi - del-2024-unirsm/three-sessions-2024-senigallia GitHub Wiki

Abstract

Le donne, i cavalieri, l’armi e gli amori, recita il primo verso dell’Orlando Furioso. Nella mente appaiono immagini di un mondo cavalleresco lontano nel tempo ma vicino a noi nelle emozioni e nelle tematiche. Le energie che muovono i personaggi sono le stesse che animano i Tarocchi, un “giuoco” di carte che vede rappresentati cavalieri, innamorati, imperatori, astri e non solo. Analizzando la sceneggiatura ed astraendola, abbiamo dato colore allo spettacolo associando protagonisti e scene ai tarocchi e alla loro simbologia cromatica. Questo è stato il punto di partenza, il cui traguardo vede un approfondimento sugli arcani maggiori, “ombre” della nostra psiche in cui specchiarsi e ri-conoscersi.

Parole chiave

colori, simbologia, tarocchi, emozioni, ironia, pose

Credits

Giacomo Albani (@giaaaacomo), Mario Falasca (@MarFal00), Rebecca Rizzo (@Pepirizzo), Luca Zanetti (@lucazanetti98).

Icona

Icon_1dot

Immagine di copertina

Foto_copertina

ARCANO VIII, Giustizia. Ringraziamenti finali. Utilizzo dello sketch 4D. Foto di Giacomo Albani (@giaaaacomo).

Ricerca sul concept

Fase divergente

  • Primo Brainstorming

Nella prima fase di ricerca ed analisi sul poema cavalleresco la classe ha inizialmente posato le prime idee e suggestioni relative a quelle che sono le complesse sfaccettature dell’Orlando Furioso. Introspezione, combattimenti, passioni e terre fantastiche.Il regista, Giorgio Sebastianelli, ha da subito sottolineato l’intenzione di enfatizzare l’ironia del poema, alternando momenti maggiormente introspettivi a scene con un registro più leggero”. Il lavoro svolto si è incentrato su quella che è la dimensione umana ed introspettiva dell’opera, sui contrasti interiori che tormentano e guidano l’uomo. Particolarmente utile allo sviluppo del nostro lavoro sono state le riflessioni a partire dal concetto di mosaico, di sfaccettature e complessità della mente. Di pari passo, la suggestione dei Tarocchi si è rivelata vincente, poiché la dualità delle figure (dritta/rovesciata) suggeriva un collegamento con quello che è il concetto di contrasti ed ambiguità dell’essere umano. Sono state fatte riflessioni anche sui paesaggi sconfinati che fanno da sfondo all’opera, portando l’attenzione su quello che è il tema del viaggio sia fisico che mentale. Il passaggio da luoghi immensi, in cui ci si sente piccoli, a luoghi dove tutto è grande, immaginando di poter entrare nella mente di Orlando e dei personaggi, tanto fantastico quanto Il viaggio sulla Luna (elemento iconico dell’opera onnipresente nel corso delle varie fasi di ricerca e sviluppo delle scenografie).

  • Secondo Brainstorming

Nelle fasi successive è stato necessario definire il concept ed estrapolare dalle suggestioni precedenti le caratteristiche necessarie ed astrarle in maniera coerente, fondendo se e dove necessario più concetti. Ad esempio il concetto di mosaico, di sfaccettature e di imperfezioni (esseri umani), è stato identificato in quelle che sono le vetrate tipiche delle chiese. Questa suggestione, oltre al materiale, il vetro, suggerisce anche l’interazione con un altro elemento: la luce. Osservazioni su questa interazione tra materiale e luce sono state fatte anche su quello che è il passare del tempo (raggi solari che filtrano dalle vetrate con angoli diversi in base alla posizione del sole, ottenendo anche effetti diversi). Punto d’incontro fra queste nuove suggestioni ed i tarocchi è stata proprio la Luna e le sue fasi, pensando quindi alla condensazione di questi insight in un’unica rappresentazione: indicatore temporale, Arcano associato e giochi di luce dipendenti dai primi due fattori. In questa fase è stato necessario redarguire ed evitare derive troppo didascaliche dei concetti estrapolati, piuttosto che comprendere dove l’essere didascalici sarebbe risultato efficace. Un chiaro esempio è proprio quello dei Tarocchi: questi infatti comunicano e portano con loro un immaginario semantico con una forte identità fatta di simboli, senso dell’occulto e talvolta clichè. Allo stesso modo l’idea delle vetrate avrebbe potuto essere un immaginario molto carico visivamente ed emotivamente, col rischio di enfatizzare in maniera eccessiva le scenografie e togliendo attenzioni agli attori sul palco.

Fase convergente

Foto_copertina

Sintesi dei vari brainstorming di gruppo, riuniti in un unico lotus blossom diviso per aree di interesse.

La Via dei tarocchi: La collocazione temporale del poema di Ludovico Ariosto, i soggetti e l’estetica del componimento, hanno richiamato un forte collegamento con le caratteristiche proprie delle lame dei Tarocchi[1]. Qui personaggi cavallereschi assumono qualità simboliche profonde attraverso connessioni numerologiche, archetipali ed esoteriche. I 22 arcani maggiori non solo riflettono la psiche umana e i passaggi che ognuno di noi attraversa nei vari momenti della vita, ma sono uno strumento efficace nell’autoanalisi se approcciati con consapevolezza e senza pregiudizio. Spogliandoli dal ruolo di strumento divinatorio, è Alejandro Jodorowsky che costruisce un discorso profondo intorno ai tarocchi, riprendendo il mazzo più potente e antico, quello Marsigliese. Una volta compresa la valenza di ogni singola carta, abbiamo associato[2] personaggi e scene ad ognuna di esse, costruendo una tarologia dello spettacolo utilizzata per impostare e rendere coerente il mood delle scene realizzate dai nostri colleghi. Fondamentale è lo studio sul colore, tema principale del gruppo e tra le caratteristiche più importanti nell’aspetto grafico delle carte. La “via dei Tarocchi” è stata vincente, confermata continuamente da connessioni impreviste all’interno della sceneggiatura (11 colori, 11 scene, 22 arcani maggiori).

Foto_copertina

I 22 Arcani Maggiori dei Tarocchi di Marsiglia.

Foto_copertina

Associazione personaggi-arcani.

Il ruolo del colore: I tarocchi di Marsiglia utilizzano in maniera semantica 11 diversi colori, raggruppati secondo categorie che vanno da qualità oggettive come il livello di saturazione e purezza a partire dai principali (nero, bianco, rosso, verde, blu) ad associazioni tipo cielo/terra, aspetti legati alla psicologia dei personaggi ed alla profondità del loro animo. In questa ambiguità ogni colore è ambivalente, presentando sempre aspetti positivi e negativi, in un costante rapporto simile a quello del taijitu (☯️) taoista. Sono identificati in totale i seguenti colori: viola, bianco, azzurro, blu, giallo chiaro, giallo scuro, rosa carne, rosso, verde chiaro, verde scuro e nero[3]. Dal punto di vista dei significati, gran parte di essi ricalca le più tradizionali associazioni culturali europee, che vedono nel viola il significato del sacrificio, la purezza simboleggiata dal bianco e la natura riconducibile al colore verde. Interessante però è la duplice valenza, che apre al doppio delle possibilità in termini di associazione: magma creativo per il nero, immobilizzazione nell’azzurro, o ancora la violenza per il rosso e la follia per il giallo. Da queste considerazioni, a cui Jodorowsky dedica un intero capitolo, abbiamo creato una corrispondenza scena-colore, andando a definire una palette guida in three.js in cui gli 11 colori sono stati a loro volta suddivisi in varianti del suo colore di base, ovvero uno desaturato uno più scuro e uno più luminoso.

Foto_copertina

La struttura dello spettacolo con associazioni relative al colore e alle lame dei Tarocchi.

Definire il quando e il come: dal finale ai credits dello spettacolo

"Inseguendo Orlando" è uno spettacolo composto da 11 scene, per cui è apparso abbastanza scontato associare ad ognuna di esse un colore che andasse a definire il mood degli sketch a cui gli altri gruppi stavano lavorando. A questo punto bisognava capire in quale occasione inserire il nostro personaggio. Riflettendo in maniera più ampia rispetto allo spettacolo, ci è sembrato un buono spazio da occupare quello subito dopo il finale[4], che si espande naturalmente ben oltre la sceneggiatura andando a comprendere i ringraziamenti, i saluti dei vari protagonisti e coordinatori non solo dello spettacolo ma del liceo, dell'università e delle sue rappresentanze. Le tempistiche e le modalità sono state poi definite nel particolare durante le prove nel teatro "La Fenice" di Senigallia.

Reference

Anish Kapoor

Artista britannico di origine indiana, è celebre per il suo uso rivoluzionario del colore in ambito contemporaneo. Il suo lavoro esplora le profonde implicazioni e le molteplici dimensioni del colore, sfidando le percezioni convenzionali e creando esperienze sensoriali intense andando ad includere elementi riflettenti. Questo aspetto si è legato subito con le tematiche emerse nei vari brainstorming.

Foto_copertina

Red to Blue, 2011.

James Turrell

Le opere di Turrell sono una ricerca sulla visione che parte dal colore inteso come prodotto legato alla luce. Vengono a crearsi degli spazi altamente immersivi e meditativi, dove il colore si genera manipolando sia luce naturale che artificiale. Associare le qualità estetiche di questi ambienti con valori semantici ripresi dalla psicologia del colore e dalla psicomagia dei tarocchi è stato sin da subito uno degli obiettivi del nostro lavoro.

Foto_copertina

_James Turrell, Ganzfeld APANI (Venice Biennale 2011), 2011, Installation

Carlos Cruz Diez

L'artista venezuelano è stato tra i primi a comprendere il potere del colore utilizzato in ambito contemporaneo. L'utilizzo pionieristico è stato fatto nelle sue famose Cromosaturazioni, dove si viene immersi in ambienti cromatici estremamente forti e mutevoli. Anche qui si innesca una riflessione sul tema della visione a partire dai colori, capaci di influenzare e costruire un'esperienza fisica e psicologica.

Foto_copertina

Chromosaturation (1965).

Robert Wilson

Mettendo insieme scenografia, studio sul colore e spazio, tra le reference più complete vi è il lavoro di Robert Wilson, noto per le sue produzioni teatrali avanguardistiche e le sue installazioni visive che combinano arte, danza, design e architettura. Negli spettacoli da lui diretti dal punto di vista artistico e registico, lo spettatore si trova davanti scene immersive che ampliano lo spazio del teatro andando a caratterizzare ed enfatizzare la recitazione in un elegante equilibrio tra attori e visual. Essendo questo uno degli elementi importanti di cui tener conto in fase di progettazione, quella di Wilson è stata una reference particolarmente significativa.

Foto_copertina

Wilson, Robert. “I Was Sitting on My Patio This Guy Appeared I Thought I Was Hallucinating". Re-staged version premiered on September 20, 2021 at Espace Cardin (Théâtre de la Ville), Paris, France.

Esempi in Three.js

Nella prima fase di ricerca di gruppo è stato fondamentale cercare non solo delle reference visive, bensì anche quelle relative al codice. Per questo la nostra attenzione si è focalizzata sugli esempi contenuti all'interno del sito web di Three.js. Tra gli svariati spunti che abbiamo ottenuto, 4 si sono rivelati i più interessanti e coerenti col nostro progetto:

Spotlight

Alt Text

Rotazione di una luce spotlight attorno a un oggetto GLTF. (Reference: https://threejs.org/examples/webgl_lights_spotlight.html).

Skinning and Morphing

Alt Text

Animazione di un oggetto GLTF. Questo esempio mostra un personaggio che si muove in uno dei diversi stati di animazione di base, per poi passare in modo fluido a azioni singole. Le espressioni facciali sono controllate indipendentemente con i morph target (Reference: https://threejs.org/examples/#webgl_animation_skinning_morph, Model by Tomás Laulhé, modifications by Don McCurdy. CC0.).

THREE.RectAreaLight

Alt Text

Utilizzo di RectAreaLight per la costruzione di rettangoli luminosi che fungono da background della scena. (Reference: https://threejs.org/examples/?q=light#webgl_lights_rectarealight, by abelnation).

Skeletal Additive Animation Blending

Alt Text

Processo di fusione di diverse animazioni basate su uno scheletro virtuale in modo che le modifiche di una animazione si aggiungano a un'altra animazione di base, creando così movimenti complessi e realistici. (Reference: https://threejs.org/examples/#webgl_animation_skinning_additive_blending, model from mixamo.com).

Prototipi ed esplorazioni

Palette cromatica in Three.js

Come anticipato nei precedenti paragrafi, i tarocchi sono stati determinanti per la creazione della palette generale dello spettacolo. Inanzitutto, è stato necessario elaborare tre ulteriori varianti degli 11 colori ripresi dai tarocchi in modo tale da averne uno adatto per ogni tipologia di esigenza delle diverse scene create. Lo sviluppo di ciascuna palette cromatica è stato costruito attraverso Adobe Color Wheel con le seguenti modalità: per prima cosa si seleziona l'armonia colore "monocromatici", poi si imposta il colore di base con il valore esadecimale ripreso dai tarocchi.

Foto_copertina

Fase 1: Si imposta l'armonia colore "monocromatici" e metodo "RGB".

Foto_copertina

Fase 2: Trascrivere il valore esadecimale del colore da noi interessato. Adobe proporrà una sua palette cromatica.

Dalla palette colori creata si riprendono il primo, che corrisponde alla variazione "scuro", il terzo, ovvero il "base", e il quarto e il quinto che rappresentano rispettivamente l'opzione "desaturata" e "neon". Il processo è stato ripetuto per ogni colore, abbassando la luminosità della variante "scuro" al 30%.

Foto_copertina

Fase 3: Selezionare le variazioni utili al lavoro. In questo caso vediamo la creazione della palette colore del viola. Il procedimento è stato applicato per tutti gli 11 colori ripresi dai tarocchi.

Sulla base di ciò, è stato poi creato un file di three.js univoco e consultabile da tutta la classe contenente i codici colore di ogni variante, rappresentati da 44 sfere.

Foto_copertina

Palette colore generale dello spettacolo. Gli 11 colori hanno 3 variazioni ciascuno.

Ogni fila di sfere contiene una delle 4 variazioni del colore, in ordine riscontriamo:

Neon

Foto_copertina

Palette colore: Neon.

  • 0xE48CFF // Violet
  • 0x4DFFFF // Light blue
  • 0xffffff // White
  • 0x0000FF // Blue
  • 0xFFFF00 // Yellow
  • 0xFFF3D6 // Light Yellow
  • 0xFFCFC0 // Pink
  • 0xFF0000 // Red
  • 0x93FF22 // Light green
  • 0x00CF00 // Dark green
  • 0x000000 // Black

Base

Foto_copertina

Palette colore: Base.

  • 0x532B5F // Violet
  • 0x9eddec // Light blue
  • 0xffffff // White
  • 0x0140A6 // Blue
  • 0xFFC702 // Yellow
  • 0xFED374 // Light Yellow
  • 0xFACDA4 // Pink
  • 0xE33117 // Red
  • 0x92BE23 // Light green
  • 0x1E841E // Dark green
  • 0x232323 // Black

Desaturato

Foto_copertina

Palette colore: Desaturato.

  • 0xBDA7C4 // Violet
  • 0xA3BCC3 // Light blue
  • 0xF2F2F2 // White
  • 0x2C5DAB // Blue
  • 0xBFA132 // Yellow
  • 0xBFAE88 // Light Yellow
  • 0xCFBDAB // Pink
  • 0xA34739 // Red
  • 0x6B8037 // Light green
  • 0x45631E // Dark green
  • 0x3B3B3B // Black

Scuro

Foto_copertina

Palette colore: Scuro.

  • 0x46324D // Violet
  • 0x1F3C43 // Light blue
  • 0x9E9E9E // White
  • 0x1A2433 // Blue
  • 0x896930 // Yellow
  • 0x403726 // Light Yellow
  • 0x332110 // Pink
  • 0x4E201E // Red
  • 0x3A402B // Light green
  • 0x214521 // Dark green
  • 0x000000 // Black

Prime visualizzazioni e scelta del personaggio

Attraverso il software opensource 3D Blender, i primi rendering sono serviti per testare le qualità estetiche della scena progettata. Sono stati provati vari modelli e scene, per cercare le soluzioni più coerenti con lo spettacolo e la chiave di lettura data dal regista. In questa fase sono subentrate influenze e citazioni rispetto alla comunicazione dello spettacolo che si andava parallelamente definendo. Il nostro soggetto quindi, che incarna i tarocchi attraverso la successione delle pose, viene illuminato da un elemento che colora la scena in riferimento alla palette prima identificata.

Foto_copertina

prime prove di scena e soggetto in stile cavalleresco, renderizzato in Blender Cycles.

Foto_copertina

Character selezionato, renderizzato con pose e materiali che riprendono la comunicazione dello spettacolo. Modello orginale di POLYTRICITY, renderizzato in Blender Cycles.

Mannequin.js

Mannequin.js è una libreria javascript, basata su Three.js, che permette la creazione, manipolazione ed animazione di manichini snodabili in un ambiente web. Ѐ stata scelta per la semplicità con cui permette di creare pose (posture), utili al progetto per creare personaggi in grado di interpretare le figure degli arcani maggiori dei tarocchi. Mannequin.js include un posture editor, che permette di manipolare con feedback visivo i personaggi, restituendo le pose sotto forma di stringhe di oggetti javascript. Ѐ possibile modificarne i parametri -sotto forma di coordinate X,Y,Z e rotazione- manualmente o tramite script, ed interpolare i passaggi tra questi valori per ottenere delle animazioni.

mann-matto

Manichino default di mannequin.js, rappresentante il matto

mann-matto

rotazione delle pose, create su setpose e reimportate su mannequin, accessibili a questo link

Setpose

A partire da mannequin.js sono state sviluppate diverse applicazioni, tra cui Setpose.com, pensato come strumento per mettere in posa i manichini da disegno per artisti ed illustratori, che a partire dall'editor di mannequin.js permette una gestione più comoda e granulare delle parti del corpo, intruduce la possibilità di inserire degli oggetti di scena, e soprattutto introduce una libreria di pose realistiche e la possibilità di salvare e gestire diverse pose dall'interfaccia web. Abbiamo scelto di partire da questo sistema, nonostante non preveda nativamente la possibilità di esportare pose e manichini, per la capacità di gestire comodamente un numero di pose e per appoggiarci a quelle già esistenti; per questo motivo è stato studiato un sistema ad hoc che permetta di esportare le pose per integrare nello sketch di tree.js

Da setpose.com a mannequin.js

Esportare i modelli da setpose si è rivelato piuttosto complesso e laborioso, soprattutto a causa del fatto che si basa su una versione personalizzata e non aggiornata di mannequin.js (e di conseguenza una versione diversa del costruttore delle posture), producendo di conseguenza array costruiti in maniera diversa rispetto sia all'originale aggiornato (v7), che a quello non aggiornato (v6). Ѐ stato quindi necessario fare reverse engineering sul processo di costruzione delle pose nelle diverse versione per studiarne il funzionamento e rapportarne coordinate e posizione negli array.

Mannequin posture updater

Una volta capito come adattare le stringhe ottenute da setpose in modo da funzionare su qualsiasi applicazione basata su mannequin.js, abbiamo creato uno strumento, pubblicato come Mannequin posture updater, che permette tramite una semplice interfaccia web di convertire le stringhe delle posture non aggiornate e quelle di setpose in posture funzionanti su mannequin.js.

Deepmotion

Deepmotion è un tool che sfrutta l’IA per la creazione di modelli 3D riggati (text-to-3D Animation o Video-to-3D Animation). I test effettuati su questa piattaforma sono stati svolti per identificare un eventuale piano B o alternativa alla libreria di Mixamo. Questo tool infatti permette di ottenere un modello 3D animato da un prompt o da un video. Trattandosi di pose molto specifiche è risultato complicato avvicinarsi ad un prompt vincente e che si avvicinasse alle pose ironiche concettualizzate. Vedi ad esempio la posa relativa all’Arcano del Diavolo. Una delle idee era quella di creare la posa di un idle che emulasse con gli indici due corna dietro la testa. Inizialmente l’indicazione corna e “diavolo”non hanno prodotto risultati utilizzabili, comprendendo quindi che la descrizione sarebbe dovuta essere relativa agli snodi ed alla posizione delle articolazioni in relazione alle altre parti del corpo (ad esempio “gomiti all’altezza delle orecchie”). Inoltre le tempistiche non hanno permesso un approfondimento, che sarebbe risultato rischioso. La scelta è stata quindi quella di virare interamente sulle pose presenti su Mixamo.com, decidendo quindi di sfruttare e portare a nostro vantaggio il palese mood videoludico delle pose proposte.

Alt Text

Test DeepMotion _ Arcano 15, Il Diavolo. _ Prompt: "Person raising arms, bringing the elbows to shoulder height, with a mocking behaviour. The forearms are vertical and the wrists ar [Inpainting] raising both arms and elbows behind the neck. Hands are behind the head, raising both index fingers"

Da Mixamo a Blender

La libreria di mixamo.com offre centinaia di pose animate che possono essere attribuite a qualsiasi modello anche non "riggato"[5], utilizzando una funzione specifica della piattaforma. Abbiamo quindi selezionato 11 pose (attribuibili una per colore) a cui si sono aggiunte situazioni ironiche e particolarmente efficaci che andassero a creare momenti divertenti ed imprevedibili durante i vari ringraziamenti sul palco. Le pose sono state scaricate in formato .FBX, re-importate in blender e concatenate utilizzando una non linear animation (NLA), associando ogni posa ad un nome da richiamare in three.js. Questo ha permesso di avere già un’idea dei passaggi intermedi tra le pose andando a creare delle interpolazioni fluide e naturali.

Foto_copertina

Alcune delle pose selezionate e applicate al personaggio da Mixamo.

Foto_copertina

Interfaccia del software con le animazioni in successione attraverso la NLA.

Alt Text

Animazione test, Arcano VIIII, L'Eremita, renderizzata in Blender Cycles.

Esperimenti in Three.js

//caricamenti dei primi gltf, prove con inquadrature, cornice luminosa, finestra (primer del prof.), cerchio, lucciole, multi-camera

Foto_copertina

Una prima versione con doppie pareti e cornice luminosa.

Software

Intro

Seguendo il processo dall'ideazione al codice in Three.js, si arriva al suo inserimento (assieme a quelli degli altri gruppi di lavoro) all'interno di una "scatola" che permette di gestire e controllare le varie scene in tempo reale durante lo spettacolo. Basandosi sul gestore di pacchetti npm, il software realizzato da @Fupete utilizza la tastiera del computer assieme al touchpad per navigare e controllare gli sketch. La metafora che rende meglio l'idea è quella dello strumento musicale in cui il visivo si sostituisce alla musica. Come in quest'ultimo caso, è il ritmo, la conoscenza dello spartito (lo spettacolo) e anche la capacità di improvvisazione che garantisce una performance efficace.

Tecnologia

Lo script JavaScript ottenuto utilizza Three.js per creare una scena 3D interattiva con un modello umano animato e un sistema di illuminazione avanzato. Inizia importando GLTFLoader, OrbitControls, RectAreaLightHelper e RectAreaLightUniformsLib. Vengono dichiarate variabili globali per telecamera, scena, animazioni, controlli, caricatore GLTF, mixer di animazione, materiali e luci. La funzione principale sketch() configura la scena, definisce le animazioni, gestisce il ridimensionamento della finestra, abilita i controlli della telecamera, crea il terreno, carica il modello umano, imposta le luci e aggiorna continuamente la scena. La funzione dispose(), infine, pulisce e libera le risorse quando la scena non è più necessaria. Ne risulta una scena che cambia in maniera controllata e automatica variando animazione e colore, mentre tramite l'interazione con la tastiera è possibile passare da un setting all'altro, per un totale di 3 scene.

Funzionalità

L'utilizzo di Three.js, open-source e non oneroso in termini di potenza di calcolo e hardware, ha reso possibile il caricamento e la gestione di modelli 3D a cui sono attribuibili qualità fisiche ed estetiche visualizzabili in tempo reale, senza sacrificare qualità in termini di resa grafica. Il .GLTF[6] del nostro modello è stato importato e "lavorato" in sketch differenti, ognuno con parametri propri che andassero a definire l'inquadratura, la posa, il ciclo di pose da iterare e il colore attribuito alla scena ad ognuna di esse. In particolare, la corrispondenza tasti/scena/caratteristiche è la seguente:

  • 4+B: Soggetto visualizzato frontalmente come un'ombra (materiale shader nero). L'animazione è un loop dell'idle statico in cui il personaggio respira rimanendo fermo con dei micromovimenti generati da un lieve noise. Il colore che illumina la scena è neutro.
Foto_copertina

Idle ombra, prima apparizione del character nel finale. Sketch 4B.

  • 4+C: Soggetto visualizzato lateralmente come un'ombra (materiale shader nero). L'animazione è composta da tutte le pose attribuite al personaggio (11 arcani maggiori + extra) intervallate dai vari idle (statico, camminata, corsa). Cromaticamente la scena cambia colore in relazione alla posa.
Foto_copertina

Idle ombra in corsa. Sketch 4C.

Foto_copertina

Idle ombra, ARCANO XI, Gli Amanti. Sketch 4C.

  • 4+D: Soggetto visualizzato frontalmente con materiale riflettente (specchio). L'animazione è composta da tutte le pose attribuite al personaggio (11 arcani maggiori + extra) intervallate dai vari idle (statico, camminata, corsa). Cromaticamente la scena cambia colore in relazione alla posa.
Foto_copertina

Idle specchio sdraiato a terra. Sketch 4D.

Foto_copertina

Idle specchio, ARCANO XVI, La Torre. Sketch 4D.

Risultato

Il risultato, nel complesso, porta in sé il processo e gli obiettivi con il quale è stato progettato e raggiunto. Collocandosi alla fine, chiude e racchiude uno studio che nel nostro caso è stato fatto sullo spettacolo intero, avendo ipotizzato una sua lettura simbolico-cromatica. La selezione finale fatta sulle pose contiene gli arcani più ricorrenti e principali, una serie di idle che hanno una funzione pratica di separazione tra di essi ed alcuni movimenti definiti "extra" (in relazione alla scena e al concept dello spettacolo). Di seguito uno schema che riassume la sintesi della ricerca sui tarocchi e sul colore utilizzata operativamente nello sketch:

Foto_copertina

Qui l'ordine segue la numerazione delle carte, mentre nella live session si passa da un elemento all'altro in maniera randomica.

Anche le varianti di inquadratura e materiale riprendono concetti condivisi dalle scene presenti, mentre il dinamismo dell'ombra proiettata a terra nello spazio della retroproiezione estende l'area stessa del palco avvicinando il pubblico e inserendolo in un terzo ambiente virtuale. Non ultimo, il colore: diffuso, estremamente presente, crea un effetto "area light" capace di colorare l'ambiente anche oltre la zona degli attori.

Alt Text Alt Text
>Idle ombra, utilizzato come prima apparizione del personaggio nel finale. >Idle camminata, nella variante materiale specchio.
Alt Text Alt Text
>Idle corsa, nella variante materiale specchio. >Idle "spaventato", nella variante materiale specchio.
Alt Text Alt Text
>ARCANO I, Il Mago. >ARCANO VI, Gli Amanti.
Alt Text Alt Text
>ARCANO XII, L'Appeso. >ARCANO XI, La Forza.
Alt Text Alt Text
>Bonus idle, "salsa" . >Idle finale, uscita di scena.

Backstage

Foto_copertina

Prove dello spettacolo. Associazione degli sketch alle varie scene. Foto di Sirio Procacci (@sprocacci).

Foto_copertina

Prove dello sketch dei tarocchi prima dello spettacolo. Foto di Laura Facchini (@laurafacchini30)

Foto_copertina

Prove dello sketch dei tarocchi prima dello spettacolo. Foto di Giacomo Albani (@giaaaacomo)

Live Session

Le prove in loco nella mattinata stessa ci hanno permesso di ricalibrare i tempi e la successione delle varie scene. Come anticipato, lo spazio pensato per i nostri sketch era quello subito dopo la fine dello spettacolo, ma provando in maniera sinergica con gli attori, è stata definita la prima apparizione del nostro personaggio poco prima il termine delle battute finali, presentandolo come un deus-ex machina che sta lì ad ascoltare l'attore-Ariosto che commenta (rispettando in pieno la visione del meta-teatro e del far percepire lo spettacolo nella sua "finzione" e "artificiosità") gli eventi appena accaduti. La risata collettiva degli attori sul palco spezza la tensione data dal monologo e dalla sagoma nera sullo sfondo, chiudendo lo spettacolo e facendo passare la scena all'inquadratura successiva in cui anche il nostro soggetto si lascia andare ad una successione più o meno serie, simboliche, buffe. L'utilizzo ordinato dei 3 sketch segue in maniera filologica e causale quanto avveniva sul palco, influenzando e lasciandosi influenzare dal Mood creato dalla parte attoriale e musicale, con cui il nostro omino ad un certo punto sembrava interagire e rispondere. Anche il livello di illuminazione e la predominanza del colore è stata giusta considerata la luce ambientale del teatro una volta finito lo spettacolo, integrandosi in maniera adattiva ai vari cambi di scena e di ambiente. Di seguito alcune immagini e filmati dallo spettacolo:

Alt Text

Animazioni del character subito dopo il finale. Utilizzo dello sketch D. Video di Alessia Tiberi (@alessiatibe).

Foto_copertina

Comparsa del character nel finale. Foto di Luca Trentalange(@LucaTrentalange)

Alt Text

Altre pose durante i ringraziamenti finali. Utilizzo dello sketch D. Video di Mario Falasca (@MarFal00).

Foto_copertina

Regia dello spettacolo. Foto di Giacomo Albani(@giaaaacomo)

Foto_copertina

Ringraziamenti finali. Foto di Luca Trenalange(@LucaTrentalange)

Commenti e Conclusioni

Riflettendo sul percorso progettuale, il metodo di lavoro basato su brainstorming altamente divergenti, senza pensare inizialmente alla traduzione "tecnica" di quanto emerso dalla lettura della sceneggiatura, si è rivelato fondamentale e non limitante. La collaborazione con il laboratorio di teatro (un contesto non professionale) ha presentato sfide organizzative, ma ha anche offerto l'opportunità di testare un flusso di lavoro effettivo andando oltre il contesto universitario, ottenendo risultati che fino a qualche giorno prima dello spettacolo erano poco definiti e chiari. Questa condizione ha rappresentato uno degli aspetti più soddisfacenti: il momento delle prove in teatro ha generato un contesto di lavoro sinergico dove i vari pezzi del puzzle hanno preso ognuno il proprio posto, secondo un disegno celato che avevamo costruito senza rendercene (forse) troppo conto. Il designer ha agito come mediatore tra diverse visioni e competenze, utilizzando strumenti open source per garantire una customizzazione del progetto sartoriale. Questo approccio ha permesso di creare un'esperienza unica, non replicabile, che ha valorizzato l'interazione tra tecnologia e performance live. Le tematiche borderline come la psicomagia assieme al simbolismo del colore, hanno giocato un ruolo cruciale nel processo creativo. Questi elementi hanno offerto nuove prospettive e hanno arricchito la narrazione con profondità e significato, tradotti in forme contemporanee e non scontate. L'output finale, con questa sagoma titanica che entra a far parte del gruppo di attori, a volte compresa a volte no, ha generato reazioni anch'esse imprevedibili non solo nel pubblico ma anche tra i ragazzi stessi, creando pieghe all'interno dello spettacolo e dei suoi ruoli. Seppur "invisibile" ai più, la vera parte arricchente è quella raccontata in questo documento: idee, suggestioni, test falliti e tanti file nel cassetto che potrebbero non rivedere più la luce, ma senza i quali non saremmo arrivati qui.


Note

  1. L'approccio nei confronti dei Tarocchi è leggero e ironico, in linea con la percezione dello spettacolo in quanto tale e le indicazioni del regista.
  2. L'associazione posa-arcano segue le stesse logiche (ad esempio, l'arcano XVIII "La Luna" è rappresentato dal passo del moonwalk)
  3. Si tratta dei colori campionati dai Tarocchi di Marsiglia, quelli presi in analisi da Jodorowsky, ritenuti i più "puri".
  4. Considerando le esperienze passate, si tratta di un momento abbastanza lungo che può avvicinarsi anche all'intera durata dello spettacolo (circa 1h)
  5. Ovvero che ha un "Rig", uno scheletro composto da ossa virtuali a cui sono legate le mesh costituenti il modello che permettono il suo movimento nello spazio.
  6. Il GL Transmission Format è un formato di file 3D che memorizza le informazioni sul modello 3D in formato JSON, includendo informazioni sulla gerarchia dei nodi, sui materiali, sulle telecamere, nonché sui descrittori per mesh, animazioni e altri costrutti.

Bibliografia e sitografia

  1. Jodorowsky, A. (2004). La via dei tarocchi. Feltrinelli
  2. Dean L. (2019). Interpretare i tarocchi. Armenia Edizioni
  3. Ariosto, L. (2017). Orlando Furioso. Garzanti
  4. Calvino, I. (2012). Orlando Furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino. Mondadori.
  5. Three.js
  6. Mixamo.com
  7. Blender.org
  8. Sketchfab.com
  9. Setpose.com
⚠️ **GitHub.com Fallback** ⚠️